IL DIRETTORE

Mirko Guadagnini
Mirko Guadagnini

Mirko Guadagnini debutta come direttore nel 2013 nella Petite Messe Solennelle di G. Rossini e nel 2014 al Festival Liederìadi con un appuntamento monografico su Chabrier e Debussy, a cui seguono Romancero gitano di M. Castelnuovo Tedesco, Misa criolla e Navidad Nuestra di A. Ramirez, Stabat Mater di G. B. Pergolesi (presso il Tempio civico di San Sebastiano di Milano), Via Crucis di F. Liszt (nel Tempio Valdese di Milano).
Inoltre, dirige lo spettacolo scenico-vocale Volver con musiche di M.Castelnuovo Tedesco/F.Obradors/M.De Falla alla Palazzina Liberty di Milano. Nel 2015 dirige “Il combattimento di Tancredi e Clorinda” di C.Monteverdi e nel 2016 l’opera “Amadigi di Gaula” di G.F.Haendel presso il Piccolo Teatro Studio di Milano.
Nell’ottobre del 2016 porta a Milano in prima assoluta il Requiem contemporaneo di Michele Biki Panitti.

Come tenore, grazie alla sua voce calda e versatile, il repertorio spazia dalla musica barocca a quella liederistica fino alla musica contemporanea.

A partire dal 1998, quando si aggiudica il concorso e debutta con l‘As.Li.Co, la sua carriera è tutta in ascesa. Collabora con direttori di fama mondiale come Riccardo Muti, Zubin Metha, Bruno Campanella, Roberto Abbado, M. Whun Chung, Donato Renzetti, Evelino Pidò, John Eliot Gardiner, Marcello Viotti, Kasushi Ono, Daniele Rustioni, Claus Peter Flor.
La carriera solistica lo porta nei teatri più importanti: Teatro alla Scala, Châtelet a Parigi, Nazionale di Praga, Regio di Torino, Cuvilliès di Monaco di Baviera, Opéra di Lione, Opera di Seul, Opéra di Montecarlo, La Fenice di Venezia, Concertgebouw di Amsterdam, Comunale di Bologna, Verdi di Firenze, Comunale di Firenze, Grand Theâtre di Ginevra, Comunale di Modena, Seattle Theatre, Opéra di Montpellier, Auditorio di Madrid, l’Opera di Roma.
Intensissima è l’attività concertistica con orchestre di fama mondiale: Orchestra del Teatro alla Scala, Radio France, Freiburger Orchester, Mozarteum Orchester, Accademia di Santa Cecilia, Orchestra Rivoluzionaria e Romantica, Accademia Bizantina, L’Europa galante, Les Arts Florissants, La Venexiana, Orchestra della Toscana, Orchestra del Maggio Fiorentino, Orchestra Verdi, Pomeriggi musicali, Orchestra della Valle d’Itria, La Verdi di Milano.
Debutta in Scala nel repertorio barocco: nel 2005 con Il Rinaldo di Händel diretto da Ottavio Dantone, nel 2011 e 2015 con Il ritorno di Ulisse in patria e L’Incoronazione di Poppea di Monteverdi diretti da Rinaldo Alessandrini.

Vince il Grammy Awards, Choc du Monde e Premio Amadeus con Orfeo di Monteverdi (La Venexiana, Claudio Cavina) come migliore disco di opera barocca del 2008. Approfondisce l’immenso repertorio barocco con grandi maestri del calibro di John Eliot Gardiner, William Christie, Ivor Bolton, Rinaldo Alessandrini, Réné Jacobs, Peter Neumann, Ottavio Dantone, Fabio Biondi, Frieder Bernius, Giovanni Antonini, Enrico Onofri e Claudio Cavina.

Mirko Guadagnini è l’unico tenore italiano di questa generazione ad aver interpretato i tre ruoli principali (Orfeo, Ulisse, Nerone) del trittico monteverdiano con i direttori William Christie, Claudio Cavina e Rinaldo Alessandrini.

È fondatore del Festival Liederìadi, prima e unica stagione di Lieder in Italia, e dell’Intende Voci Chorus. È membro stabile dell’Ensemble Il Pegaso.

Porta in scena dal 2000 ad oggi i cicli liederistici più famosi, da Die Winterreise a Die schöne Müllerin, da Die schöne Magelone a Dichterliebe, da Britten, Mahler fino ad Haydn e Beethoven.

Abbina al repertorio barocco una specializzazione straordinaria nel repertorio contemporaneo operistico:
Azio Corghi (Il dissoluto assolto, Teatro alla Scala, Teatro di Lisbona 2006).
Federico Gardella (Nachtmusik, Milano 2006)
Ivan Fedele (Antigone, Maggio Fiorentino, Premio Abbiati 2007),
Hans Werner Henze (Phaedra, Maggio Fiorentino, Premio Abbiati 2008),
Matteo D’Amico (Patto di sangue, Maggio Fiorentino 2009),
Filippo del Corno (Non guardate al domani, Milano 2008),
Claudio Ambrosini (Killer di parole, Fenice di venezia 2010)
Brian Current (Airlines Icarus, Verbania 2011)
Filippo Del corno (Le remède de fortune, Teatro Strehler, Milano 2012)
Karl Heinz Stockhausen (Stimmung, Los Angeles, Bologna Festival 2014)
Mauro Montalbetti (Corpi eretici, Festival Aperto, Reggio Emilia, 2015)
Filippo Perocco (Acquagranda, Teatro La Fenice, Venezia 2016)